Mauro Bressan (Amag SpA): ‘’Alcune precisazioni per fare chiarezza sulle strategie industriali adottate dal nostro Gruppo multiutility’’

venerdì 31 marzo 2017

 Abbiamo ricevuto tramite mail da parte di Mauro Bressan, Amministratore Delegato di Amag SpA,il seguente intervento, che intende fare chiarezza su alcuni punti circa le strategie industriali e il ruolo di AMAG, in seguito ad alcune polemiche sollevate nel dibattito pubblico-politico:

Rispetto alla recente nota stampa del “Quarto Polo – Patto per Alessandria” contenente un attacco diretto al Presidente di AMAG sulle strategie adottate dal Gruppo sul teleriscaldamento, desidero fornire personalmente e a nome di tutto il CDA alcune precisazioni, che non mirano certamente a entrare nel dibattito politico-elettorale ma, al contrario, a fare chiarezza sulle strategie industriali adottate dal nostro Gruppo multiutility.

Ogni scelta strategica assunta in questo triennio dal CDA è frutto di una politica condivisa, tanto dai vertici quanto dagli azionisti pubblici.

Tra le suddette scelte c’è sicuramente la decisione relativa al teleriscaldamento.

AMAG, anziché subire, ha voluto partecipare e co-progettare in fase di gara, prima, e stringere una partnership societaria, poi, con EGEA Produzioni e Teleriscaldamento, proprio per i motivi pubblicamente ricordati dal Presidente De Capitani: il mercato del gas è ormai un mercato aperto e libero e ALEGAS si deve confrontare con una concorrenza molto agguerrita; grazie alla partnership con EGEA PT in TELENERGIA abbiamo assicurato la fornitura del nostro gas utile per la produzione di calore con il teleriscaldamento, ampliando così l’offerta di servizi energetici ai nostri utenti e riducendo il rischio di mercato. Inoltre:

-stiamo parlando di un investimento privato di circa 100milioni di Euro, con importanti ricadute economiche e occupazionali su tutto il territorio, non solo per il settore energetico ma anche per un interessante indotto creato dai cantieri e dai nuovi servizi collegati all’efficienza energetica e alla sostenibilità ambientale, su cui AMAG metterà in campo competenze e indirizzi strategici;

-la partecipazione in TELENERGIA sarà minoritaria ma con elevato potere decisionale e di controllo e statuto e patti parasociali prevedono anche la possibilità di rivedere la governance della società qualora la quota di AMAG crescesse nel capitale sociale di TELENERGIA;

-non da ultimo, ritengo che spesso si sottovaluti un punto invece fondamentale: EGEA PT non è un partner industriale lontano dal nostro territorio, al contrario la società ha un fortissimo radicamento in tutto il Piemonte e ha il suo punto di forza proprio nelle reti di teleriscaldamento e nelle relazioni con il territorio.

Queste le motivazioni che evidenziano come AMAG stia operando per salvaguardare i propri interessi, mantenendo e rafforzando il patrimonio di utenze che attualmente possiede, cogliendo appieno le potenzialità delle partnership pubblico-private con aziende virtuose e fortemente radicate sul territorio: è così per TELENERGIA e sarà così anche per AMAG Mobilità con LINE SpA di Pavia.

E da questo schema traspare proprio l’importanza della scelta compiuta anni fa dalla direzione AMAG insieme al Comune di Alessandria: la costituzione di una multiutility che integra servizi idrici, energetici, ambientali e del trasporto, che rappresenti un partner pubblico e industriale capace di attrarre investimenti privati sul nostro territorio.

Sono, dunque, le strategie e una precisa visione ad aver determinato le scelte compiute in questi anni. Strategie e visione che, lo ribadisco, hanno visto uniti Presidente, Amministratore Delegato e tutto il CDA di AMAG.

MAURO BRESSAN, 

AMMINISTRATORE DELEGATO DI AMAG SPA

 

Altri articoli di "Lettere"
Lettere
20/05/2017
 Facendo riferimento alla Festa di Borgo Rovereto, di ...
Lettere
09/05/2017
 L’Associazione di Promozione Sociale me.dea Onlus esprime sincera gratitudine ...
Lettere
05/05/2017
 Abbiamo ricevuto tramite mail da parte ...
 L’Amministrazione Comunale di Alessandria ha visto approvati e finanziati 8 progetti per complessivi 31 ...