Sabato a Lu inaugurazione del ‘Percorso delle Donne Coraggiose’

venerdì 21 aprile 2017

 Da sabato 22 aprile in Italia ci sarà il primo “percorso delle donne coraggiose” e sarà inaugurato a Lu, nell’alessandrino.

Dai tempi di Ipazia di Alessandria, le donne hanno saputo cambiare il mondo con  determinazione e generosità, molto spesso con grande coraggio, mettendo a repentaglio la propria vita per difendere i diritti fondamentali dell’umanità. La Storia, quella con la ‘s’ maiuscola, però, non è stata altrettanto leale e riconoscente con la maggior parte di loro. 

Eroine di ieri e di oggi hanno saputo cambiare il corso della storia e del progresso dell’umanità con le loro scoperte, con imprese altrimenti pensate solo ad appannaggio di uomini, altre hanno dedicato tutta la loro vita a promuovere l’istruzione, fattore determinante per la libertà e la piena realizzazione. Ed è così per chi ha avuto nella cultura, nell’arte, nella musica il proprio campo di interesse. 

Il Comune di Lu M.to e Zonta Club Alessandria hanno scelto sei donne per simboleggiarle tutte, sei donne il cui impegno si è trasformato in miglioramento della vita per le generazioni future, sei donne il cui valore continuerà ad esprimere positività per il futuro.

Nell’anno in cui ricorre l’80° anniversario dalla scomparsa di Amelia Earhart,  la socia più famosa di Zonta International, si è dapprima coinvolta la locale scuola primaria  in un progetto per conoscere meglio alcune figure femminili particolarmente significative. Il progetto il 22 aprile troverà completamento nella posa di una targa celebrativa all’inizio di un percorso di alcuni metri di fronte al Municipio di Lu. Nel punto più panoramico del paese, il belvedere dedicato a Suor Angela Vallese, sono collocate sette panchine, ognuna di essere recherà una piccola targhetta in ottone con dedica ad una grande donna: la prima è proprio Amelia Earhart l’eroina del volo, le altre sono dedicate ai premi nobel Rita Levi Montalcini e Malala Yousafzai, alla prima donna sindaco di Torino e socia Zonta Maria Magnani Noya, paladina dei diritti degli ultimi e contro ogni forma di discriminazione e violenza sulle donne, prima depositaria di un progetto di legge per l’attribuzione del cognome di entrambi i genitori ai figli, realtà dallo scorso 29 gennaio. Il quarto riconoscimento va all’unica donna italiana la cui effige sia stata riportata su una banconota, la pedagogista Maria Montessori. E poi a lei, suor Angela Vallese nata a Lu e spintasi fino alla fine del Mondo (Terra del Fuoco) con le missioni salesiane. 

Ciascuna di loro ha realizzato con coraggio il proprio obiettivo, sfidando avversità importanti, mettendo a rischio la proprio vita: le difficoltà tecniche, le legge razziali, l’oppressione dei talebani, i pregiudizi, ecc…

L’ultima panchina è dedicata a tutte le donne di oggi e di domani impegnate per l’empowerment femminile, in prima linea per la difesa dei diritti umani.

Le sei donne sono solo un esempio di quanto il genere femminile abbia fatto per migliorare la vita per le generazioni future: solo una di queste è in vita, Malala. Si è voluta una dedica anche a lei per evidenziare come ad ogni età ci si può impegnare per il progresso della civiltà e soprattutto che c’è ancora molta strada da compiere per il raggiungimento della pienezza dei diritti. 

Un percorso in questa direzione viene avviato a Lu, sabato prossimo alle ore 11.

“Queste e altre donne meritano un posto speciale nella storia, come nei cuori di ciascuno di noi, per motivi diversi, tutti legati all’affermazione dei diritti umani” dice Gabriella Daini presidente di Zonta Club Alessandria.

All’inaugurazione saranno presenti il sindaco di Lu, Michele Fontefrancesco, la vice presidente vicaria di Zonta Club Alessandria Simonetta Bisio, Nadia Biancato, past direttore internazionale di Zonta International, Ivana Sarotto Area Director di Zonta Nord Ovest Italia, Simone Ovart rappresentante di ZI alle Nazioni Unite di Ginevra e molte Zontiane provenienti da Piemonte e Liguria.

MARIO MARCHIONI / mario.marchioni@alessandriamagazine.it

 

Altri articoli di "Attualità"
Attualità
31/10/2017
 “Siamo la generazione di oggi che cambia il domani”, questa è la ...
 Il corso “I più fragili tra i più deboli/Giallo come il miele” (marchio registrato ...