‘Interagire con il futuro’: ciclo di sei conferenze per spiegare i grandi cambiamenti

lunedì 5 giugno 2017

 La Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria presenta un ciclo di conferenze incentrato su argomenti di grande attualità e di particolare interesse per il grande pubblico che spaziano dalla robotica all’umatronica, dalla rivoluzione digitale, ai Big Data, all’intelligenza artificiale.

INTERAGIRE CON IL FUTURO: NUOVE TECNOLOGIE, NUOVE OPPORTUNITA’ è il titolo della rassegna organizzata in collaborazione con “Codice Edizioni” casa editrice fondata a Torino nel settembre 2003, le cui linee portanti, inizialmente orientate alla scienza, si sono ampliate nel tentativo di coprire gli innumerevoli bisogni di conoscenza e curiosità di lettori alla ricerca di informazioni, analisi e confronti puntuali. La produzione editoriale vanta oltre 400 titoli e l’Editrice ha progettato anche il National Geographic Festival delle Scienze che si è appena concluso a Roma.

Obiettivo del ciclo di incontri è spiegare al pubblico i grandi cambiamenti in corso: lo sviluppo sempre più accelerato della tecnica ha, infatti, portato l’essere umano a dominare spazi, territori e ambienti rendendoli famigliari, domestici, confortevoli. Nel corso degli ultimi 300 anni la tecnica ha prodotto fondamentali e straordinari cambiamenti che hanno consentito di accrescere i nostri modelli di vita, di allungare sempre di più l’età media delle persone, di soddisfare fabbisogni alimentari e di beni assolutamente impensabili solo poco tempo fa.

Il tema dell’Intelligenza artificiale e della robotica – afferma il presidente della Fondazione Cassa di risparmio di Alessandria, Pier Angelo Taverna - è oggi presente in modo evidente nella nostra società e nella nostra realtà provinciale ed è giusto porsi di fronte a questo straordinario fenomeno cercando di coglierne le componenti positive, ma al tempo stesso individuando forme di supporto e di integrazione formativa.  Siamo passati - prosegue il Presidente - dallo stato di Homo Sapiens a quello di Homo Faber per arrivare a quello che oggi si definisce di Homo tecnologicus. La manualità con cui abbiamo plasmato la materia si è unita alla capacità di elaborare sempre più pensieri, dimensioni immateriali e pensiero logico. Questo processo è figlio della nostra natura di esseri curiosi, sempre in movimento, inappagati e pronti all’avventura del futuro. Ma oggi cosa possiamo fare perché l’automazione che è figlia del progresso e dello sviluppo tecnologico prodotto da noi, non ci sovrasti? Come possiamo cavalcare questa nuova fase della continua rivoluzione e innovazione anche nel campo del lavoro? Per provare a venire incontro a queste domande, - conclude il presidente Taverna - tanto sintetiche quanto complesse, come Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria abbiamo deciso di organizzare un ciclo di conferenze che sia in grado di affrontare i temi dell’innovazione, del lavoro, del futuro, che ci aiuti a capire quanto l’intelligenza artificiale influirà in futuro sull’occupazione, che riesca a combinare linguaggi diversi in maniera il più possibile efficace al fine di creare opportunità e un forte legame con il nostro territorio che sta vivendo un momento di forte difficoltà.

Il ciclo di conferenze prevede sei eventi che prederanno il via giovedì 8 giugno alle ore 17 per concludersi l’11 dicembre prossimo, dopo una pausa estiva nei mesi di luglio e agosto.

Le conferenze si terranno nella sala Broletto della Fondazione  – piazza della Libertà 28, Alessandria - e saranno trasmesse anche in diretta streaming sul sito www.fondazionecralessandria.it/streaming al fine di permettere ad un pubblico più ampio possibile di seguire le relazioni di qualificati esperti nei rispettivi settori, dal mondo accademico a quello dell’imprenditoria, dal mondo dell’economia a quello bancario, al giornalismo specializzato.

La partecipazione agli eventi è libera e gratuita. Al termine di ogni conferenza è previsto un dibattito che permetterà al pubblico di rivolgere quesiti ai relatori nonché di soddisfare dubbi e curiosità.

MARIO MARCHIONI / mario.marchioni@alessandriamagazine.it


> La foto si riferisce alla conferenza stampa: (da sinistra) Vittorio Bo,  presidente di Codice Edizioni e Pier Angelo Taverna, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria

 

Altri articoli di "Cultura"
Cultura
26/10/2017
 L'8 ottobre del 1837, quindi 180 anni fa, nasceva nel ...
Cultura
26/10/2017
 Nel 2017 la Cia compie 40 anni di attività e ...
 Il corso “I più fragili tra i più deboli/Giallo come il miele” (marchio registrato ...