Da giovedì a sabato tre concerti sugli organi storici della provincia di Alessandria

mercoledì 28 giugno 2017

 Altre due "eccellenze" del panorama organistico mondiale saranno protagoniste dei prossimi tre appuntamenti della XXXVII Stagione Internazionale di concerti sugli organi storici della provincia di Alessandria, giovedì 29 alle ore 21 a Castelnuovo Scrivia nella Collegiata di San Pietro, dove è conservato un organo fra i più antichi del nostro territorio, venerdì 30 sempre alle 21 nella chiesa Parrocchiale di Lerma e sabato 1 luglio, ancora alle 21, nella Parrocchiale di Casalnoceto.

Si tratta di Michael Schoenheit (nella foto a sinistra), organista della mitica Neue Gewandhaus di lipsia, uno dei più prestigiosi teatri al mondo la cui orchestra pure è tra le più rappresentative in tutta Europa, e di Mirko Ballico (a destra nelle aofot), uno dei pochissimi vincitori del prestigioso concorso internazionale di Innsbruck.

> Concerto del 29 giugno, ore 21

CASTELNUOVO SCRIVIA, Collegiata di San Pietro

MICHAEL SCHONHEIT, organo (D)

Girolamo Frescobaldi Toccata ottava (1583 - 1643)

Johann Jakob Froberger Ricercar FbWV 401 (1616 - 1667) 

Johann Caspar von Kerll Canzona in d minore (1627 - 1693)

Johann Pachelbel Partita sopra "Was Gott tut, das ist wohlgetan" (1653 - 1706)

Georg Friedrich Händel Fuge g minore HWV 605 (1685 - 1759)

Georg Philipp Telemann Choralbearbeitung "Christ lag in Todesbanden" 

(1681 - 1767) Choral alio modo 

Carl Philipp Emanuel Bach Sonata a - minore Wq 70/4, H 85 (1714 - 1788)

Allegro assai - Adagio - Allegro 

Johann Ludwig Krebs Aus der "Clavierübung" (1713 - 1780)

Praeambulum sopra "Jesu, meine Freude"

Choral "Jesu meine Freude"

Choral alio modo

Johann Sebastian Bach Pastorella F maggiore BWV 590

(1685 - 1750)

> Concerto del 30 giugno, ore 21

LERMA, chiesa Parrocchiale

MICHAEL SCHONHEIT, organo (D)

Girolamo Frescobaldi Toccata ottava (1583 - 1643)

Johann Jakob Froberger Ricercar FbWV 401 (1616 - 1667) 

Johann Caspar von Kerll Canzona in d minore (1627 - 1693)

Johann Pachelbel Partita sopra "Was Gott tut, das ist wohlgetan" (1653 - 1706)

Georg Friedrich Händel Fuge g minore HWV 605 (1685 - 1759)

Georg Philipp Telemann Choralbearbeitung "Christ lag in Todesbanden" 

(1681 - 1767)

Choral alio modo 

Carl Philipp Emanuel Bach Sonata a - minore Wq 70/4, H 85 (1714 - 1788) 

Allegro assai - Adagio - Allegro 

Johann Ludwig Krebs Aus der "Clavierübung" (1713 - 1780) 

Praeambulum sopra "Jesu, meine Freude"

Choral "Jesu meine Freude"

Choral alio modo

Johann Sebastian Bach Pastorella F maggiore BWV 590

(1685 - 1750)

> MICHAEL SCHÖNHEIT, nato a Saalfeld, ha ricevuto le sue prime lezioni musicali dal padre Walter

Schönheit ed è stato membro della Thüringer Sängerknaben. Dal 1978 al 1985 ha studiato direzione d'orchestra, pianoforte e organo presso l'Accademia di Musica "Felix Mendelssohn Bartholdy". Nel 1984 è stato vincitore del Concorso Internazionale Johann Sebastian Bach di Lipsia.

Dal 1985 al 1991 ha lavorato come organista e maestro di cappella a Saalfeld. Nel 1986 è stato nominato organista della Gewandhaus. Qui il suo campo di applicazione comprende la progettazione dei concerti d'organo, cicli tematici, la partecipazione alla musica da camera della Gewandhaus e concerti come solista con l'Orchestra della Gewandhaus.

Dal 1994 Michael Schönheit è direttore artistico del Festival "Merseburger Orgeltage", che oggi è uno dei principali festival d'organo in Germania. Dal 1996 Schönheit è anche organista della Cattedrale di Merseburg.

Nel 1998 ha fondato l'ensemble Merseburger Hofmusik che si è posto il compito di riprodurre la musica dal 17° al 19° secolo su strumenti storici.

Oltre ai numerosi spettacoli con questo insieme nella cattedrale di Merseburg e nella Gewandhaus di Lipsia, l'ensemble è stato ospite di numerosi festival. 

Dal 1998 al 2005 ha guidato il Carl Philipp Emanuel Bach-Chor Amburgo, con il quale ha eseguito una serie di grandi oratori del 18 ° e 19 ° secolo.

Michael Schönheit è anche organista ospite frequente di prestigiosi Festival. La sua attività concertistica si estende al di là dei paesi europei anche negli Stati Uniti e in Giappone.

Come solista si è esibito alla Gewandhaus con orchestre come la Staatskapelle di Dresda, la Filarmonica di Monaco di Baviera, la Berlin Konzerthaus Orchestra, la Filarmonica di Dresda, la MDR - Symphony, l'Orchestra dell 'Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, la New York Philharmonic Orchestra. In numerosi concorsi internazionali è stato un membro della giuria.

Oltre al suo lavoro come organista e direttore Schönheit si è dedicato per molti anni al fortepiano storico suonando uno strumento di John Broadwood del 1805 e un fortepiano Franz Bayer Vienna circa del 1825.

Radio, televisione e numerose produzioni di CD completano la sua versatilità artistica.

Nel 2005 e nel 2006 ha realizzato per MDG alcuni acclamati CD con opere di Johann Sebastian Bach, Franz Liszt, Julius Reubke e Max Reger con il grande organo Friedrich-Ladegast della cattedrale di Merseburg, restaurato nel 2004. All'inizio del 2010 ha pubblicato per la Decca la produzione dei sei Concerti Brandeburghesi di Johann Sebastian Bach con l'Orchestra della Gewandhaus diretta dal maestro Riccardo Chailly, interpretando la parte del clavicembalo solo del 5° Concerto. 

“La musica di corte a Merseburg” è stato pubblicato nel 2013 nella produzione dell' Editore Kamprad di Altenburg, con concerti e cantate di Johann Ludwig Krebs. Questa produzione è stata seguita nel 2016 dalla pubblicazione dell' oratorio di Joseph Haydn "La Creazione" per lo stesso editore. Altre pubblicazioni, ad es. "Il Requiem", Op. 144b di Max Reger e il "Requiem tedesco" di Johannes Brahms sono in preparazione.


Per i suoi contributi al restauro dell'organo della cattedrale di Merseburg e per lo sviluppo del Festival “Merseburger Orgeltage”, oggi di alto rango, Michael Schönheit è stato insignito nel 2015 dell'Ordine al Merito dello Stato della Sassonia-Anhalt.

> Concerto del 1 luglio, ore 21

CASALNOCETO, chiesa Parrocchiale

MIRKO BALLICO, organo

“Viaggio nell' Ottocento organistico italiano”

PROGRAMMA 

Domenico Cimoso (1780-1850)

Sonata nr. 9 in do maggiore

Giovanni Simone Mayr (1763-1845)

Sinfonia

Gaetano Donizetti (1797-1848)

Grande offertorio

Pietro Morandi (1745-1815)

2 sonate

Giovanni Morandi (1777-1856)

Elevazione in mib maggiore

Gherardo Gherardeschi (1835-1905)

Offertorio dalla messa per organo 1899

Polibio Fumagalli (1830-1900)

Capriccio “la caccia” op. 257

Carlo Fontebasso (1849-1911)

Marcia

Andante

Luigi Fontebasso (1822-1872)

Fantasia

Giovanni Meneghetti (1918)

La Canzone del Grappa

> MIRKO BALLICO, musicista poliedrico e dalle competenze interdisciplinari, ha in repertorio otto secoli di musica organistica, dal Gotico al Contemporaneo. Inizia il percorso musicale da autodidatta. Ha successivamente studiato al Conservatorio di Vicenza diplomandosi in soli 4 anni in organo e composizione organistica con il massimo dei voti, alla “Bruckner Universität” di Linz ottenendo il Bachelor con lode in Konzertfach-Orgel e infine al conservatorio di Verona dove in 3 anni ha conseguito il diploma in Strumentazione Bandistica, il diploma di Composizione e il Master in Organo con 110 e lode. Ha studiato organo con Brett Leighton, C. Rieger, M. Radulescu, L. Rogg, W. Zerer, M. Raschietti, L. Signorini, composizione con F. Zandonà e E. Pisa, direzione d’orchestra con C. Rebeschini.

Vincitore del premio “Paul Hofhaimer” di Innsbruck nel 2007, titolo consegnato solo 6 volte nella storia cinquantennale del concorso, è stato finalista al concorso di Innsbruck anche nel 2004 ottenendo il secondo premio ex-aequo ed è stato premiato ai concorsi organistici nazionali di Viterbo (2000 – vincitore categoria “corso superiore”), Angullara Veneta (2000 - secondo premio e 2001 - primo premio) e internazionali di Caldaro (2001 - terzo premio), Füssen (Germania 2002 - secondo premio), Borca di Cadore (2003 - terzo premio) e Carunchio (2008 - Primo Premio). Nel 2013 ha vinto il 1° Premio al concorso di composizione “BPV” organizzato dal Conservatorio di Verona nella categoria “trascrizione” e nel 2014 il 2° Premio nella categoria “composizione originale per gruppo cameristico” dello stesso concorso. 

Scrive per coro e orchestra (Kyrie e Gloria da concerto), più strumenti a tastiera (2 concerti per 2 organi e un ciclo natalizio per 3 organi), pezzi per soli, musica da camera (diverse suites per pianoforte e strumento solista, brani su commissione per gruppi di Flauti, Saxophoni, gruppi misti) e composizioni per orchestre giovanili (più volte eseguite in occasioni di campus residenziali). Molto vasto il suo catalogo organistico che comprende circa 20 pubblicazioni tra cui “Auf den Wecker” (2004), inserito come pezzo obbligatorio in finale al Concorso Internazionale di Borca di Cadore 2005

Il suo testo “Ricerchada” (più volte ristampato), manuale di interpretazione su base filologica delle musiche dal 1400 al primo 1600 risulta ancora oggi uno degli unici sunti di trattatistica rinascimentale tastieristica nel panorama italiano. Ha completato da studente 3 opere di J. S. Bach, Fantasia BWV 573, Fuga BWV 562/2 (perduta), e “O Traurigkeit” corale dall’Orgelbüchlein. Negli ultimi anni, grazie ad un forte impulso didattico, ha scritto e pubblicato un corso completo di solfeggio per i corsi pre-Afam composto da un Manuale di Ritmica, Esercizi Cantati e Manuale di Lettura. Tutte le sue opere sono edite da Armelin Musica di Padova. Di prossima pubblicazione anche la sua tesi di laurea sulle “6 fughe sul nome Bach” per Pedalflügel opera 60 di Robert Schumann.

Regolarmente invitato presso istituti di alta formazione come docente ospite, ha tenuto conferenze e seminari sulla prassi esecutiva (dal Rinascimento al Barocco) e sulla trattatistica rinascimentale per l’accademia organistica Lunelli di Trento (2011), il Conservatorio di Udine (2012), il Festival Organi Storici del Cadore (2014), il Conservatorio di Adria (2014), il Conservatorio di Alessandria (2016) il Campus delle Arti di Bassano del Grappa, il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano (2017). Negli ultimi anni è stato invitato come compositore residenziale nei campi-vacanza dell’orchestra giovanile del conservatorio di Padova.

Ha registrato per le etichette “Bottega Discantica” (Opere di Pietro Morandi; J. S. Bach “Viaggio in Italia”), “Rainbow Classics” (La Sonata Organistica Veneta; Lefebure-Wely op.122) incidendo numerosi altri cd tra cui opere per 2 organi (Organi Storici del Friuli vol. III; Organo di S. Bartolomeo a Treviso) e produzioni private contenenti anche composizioni personali. Nel 2009 è stato scelto tra i migliori giovani organisti italiani per l’incisione di un cd commemorativo per i 180 anni di fondazione della ditta organaria “Mascioni” e un suo concerto è stato pubblicato in DVD dalla Fondazione Levi (Contributi per la storia dell’arte organaria e organistica in Italia, Venezia 2012). 

Attivo come docente a contratto con enti e scuole statali in qualità di “esperto” e coordinatore di corsi musicali per un decennio, ha insegnato ai Conservatori di Bergamo, Bolzano, Adria e alla scuola “Miari” di Belluno, collaborando con la diocesi di Vittorio Veneto con competenze di organologia. Attualmente è docente di Teoria, Solfeggio e Armonia nei Corsi di Base e di accompagnamento pianistico nei Corsi Accademici del conservatorio di Padova.

Suona regolarmente come concertista in tutta Europa (Italia, Francia, Svizzera, Austria, Germania).

MARIO MARCHIONI / mario.marchioni@alessandriamagazine.it

 

Altri articoli di "Musica"
Musica
27/10/2017
 Durante una conferenza stampa (alla quale si ...
 Il corso “I più fragili tra i più deboli/Giallo come il miele” (marchio registrato ...